La Turchia avverte Berlino, il Genocidio Armeno non venga riconosciuto

La Turchia avverte Berlino, il Genocidio Armeno non venga riconosciuto (Fonte: thelocal.de) La Turchia, lunedì, ha fortemente raccomandato la Germania di non prendere provvedimenti riguardo al riconoscimento del Genocidio Armeno, minacciando ripercussioni sugli accordi bilaterali. La Camera Bassa tedesca si prepara a votare, giovedì prossimo, una risoluzione sul contestato biennio a seguito del 1915, in … Continua a leggere La Turchia avverte Berlino, il Genocidio Armeno non venga riconosciuto

Genocidio armeno, Germania prepara una risoluzione di condanna pubblicato il 26/mag/2016 18:15 Genocidio armeno, Germania prepara una risoluzione di condanna

Genocidio armeno, Germania prepara una risoluzione di condanna E riconosce la sua parte di responsabilità nell’accaduto Sarà sottoposta a inizio giugno al voto del Bundestag, la camera bassa del parlamento tedesco, la risoluzione che riconosce per la prima volta il genocidio degli armeni da parte dell’Impero ottomano, oltre che “la parte di responsabilità” della Germania … Continua a leggere Genocidio armeno, Germania prepara una risoluzione di condanna pubblicato il 26/mag/2016 18:15 Genocidio armeno, Germania prepara una risoluzione di condanna

Riconoscere il Genocidio che è stato – e quello appena iniziato

Riconoscere il Genocidio che è stato – e quello appena iniziato Gli USA, l’Europa, e tutti i loro partner, devono riconoscere ufficialmente la Repubblica Montuosa del Karabakh all’interno dei suoi confini costituzionali. (articolo originale qui, autore Raffi K. Hovanissian) Stepanakert, Karabakh montuoso – io non so più cosa fare il 24 aprile – o dove andare. … Continua a leggere Riconoscere il Genocidio che è stato – e quello appena iniziato

La fuga dei codardi

La fuga dei codardi È il 4 novembre 1918. Il giornale turco Ikdam annuncia in prima pagina la fuga all’estero dei tre principali responsabili del Genocidio Armeno, Talaat, Enver e Djemal. Talaat Pasha riesce a fuggire in Germania il 3 novembre 1918, grazie ad un sottomarino tedesco partito da Costantinopoli. Continua a leggere La fuga dei codardi